Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
  • Dedicato a chi innòva

    I quotidiani sono chiamati a innovare. La tecnologia digitale, da tempo, si dimostra una sfida decisiva. È una questione onnicomprensiva che va dal sistema dei costi, alla forma espressiva dell’informazione, all’analisi dei risultati, al coinvolgimento del pubblico e, ovviamente, al modello di business. [...]

  • L’esperimento di Murdoch

    La nebbia del "tutto gratis" su internet avvolge i conti dell'industria editoriale e quindi, per il Times di Londra, il web è isolato. Vista con gli occhi dell'antico giornale britannico, oggi proprietà del gruppo News Corp. di Rupert Murdoch, la questione è semplice: i giornali [...]

  • Siamo nati un’altra volta

    Le aspettative erano enormi, dopo mesi di illazioni. E il 27 gennaio 2010, Steve Jobs saliva sul palco per presentare il suo tablet. «Cambiamo il mondo ancora una volta» disse. «L’iPad è magico» vantò: magnifico per consultare il web, ottimo per la posta e i social network, ambizioso (forse troppo) [...]

  • Web e internet

    «Il web è morto. Lunga vita a internet». Dopo settimane di anticipazioni e discussioni preliminari, è uscito ieri il controverso doppio pezzo di Chris Anderson, direttore di Wired, e Michael Wolff, giornalista di Vanity Fair e fondatore di Newser, un aggregatore di notizie. Si può sorridere del [...]

  • Reprint: Assange a Nòva

    Colloquio con Julien Assange, pubblicato su Nòva giovedì scorso, prima dell'enorme esplosione di attenzione su Wikileaks dovuta alla pubblicazione del dossier afghano. «Diversi giornali italiani hanno preso contatto con Wikileaks per pubblicare le notizie che dovessero diventare proibite». Lo [...]

  • Il senso del pagamento

    Dopo anni di dibattiti sulla gratuità dei contenuti in rete, anni di diatribe sulla pirateria e il copyright, anni di progetti per nuovi servizi di informazione a pagamento, non ha molto senso rispondere in base a questioni di principio. Sono i fatti che parlano.Grazie agli interventi di Delbo e DElyMith [...]

  • La sicurezza nei media

    L'Osservatorio di Pavia e Demos per Fondazione Unipolis hanno aggiornato la ricerca sulla relazione tra la percezione di insicurezza degli italiani, i fatti e i servizi giornalistici proposti dai telegiornali. Il risultato è chiaro: lo stato di paura della criminalità degli italiani varia poco [...]

  • 3.300.000 di italiani pagherebbero le news

    Internet, le news e il comportamento del pubblico. La base di ragionamento per chi voglia riformare i giornali di fronte all'ondata innovativa internettiana dovrebbero essere i dati. E di dati ne sono arrivati oggi. Di chiaro sapore strategico.Enrico Finzi, di AstraRicerche, nel corso di un convegno [...]